Hotel Messico

Il Tumblr di Gianni Solla.
Il mio ultimo romanzo si chiama Il fiuto dello Squalo, uscito per Marsilio editore. Qui lo trovate su amazon Poi qui ho messo una recensione perchè se non stai sui giornali non sei nessuno.

Non è mai troppo tardi per ricevere la telefonata di un cretino.

L’insonnia è il trionfo dei pensieri minori.

Ho bisogno di una serata +

per compensare le sottrazioni, le detrazioni, gli interessi, le spese legali, il condono, lo spread,

una serata e ritorno +

Comunque alla fine mia mamma un poco si è affezionata a mio padre.

Una volta una ragazza mi lasciò mentre eravamo seduti su una panchina e ogni volta che la vedo, la panchina, me ne ricordo. Mi avrebbe lasciato anche camminando o in metropolitana, e invece aveva fissato il posto. La puttana.

“Dietro la sua schiena c’era scritto: carne da consumare preferibilmente in camere d’albergo.”

Ora dovrebbe andare bene.

Ti voglio bene, ma sono preoccupato,

lo sanno tutti come vanno a finire queste cose,

io ti do un bacio adesso e tu domani mi chiedi gli alimenti e io finisco a dormire in macchina,

ti lascio adesso,

prima che cominci,

prima di incontrarti.

Cuore azzurro.

Ho visto un film porno con un finale che lasciava l’amaro in bocca.

Carne consumabile solo in camere di alberghi sperduti.

99 Posse feat. Mama Marjas ed Alborosie - Curre Curre Guagliò Still Running

A un certo punto ci siamo voluti bene e oggi la cosa più intima che facciamo, è scambiarci il caricabatterie del Samsung.

Sono a casa e fingo di essere malato. Mi portano una Zerinol, l’Oki o l’Efferalgan. Oppure mi misurano la febbre tenendomi le labbra sulla fronte.

Quaderno #159

La situazione è abbastanza grave, amore mio,
me lo ha detto l’elettrauto,
mentre l’alternatore,
mentre il motorino dell’accensione,
mentre la batteria,
mentre l’amministratore di condominio guarda la macchia sul soffitto e dice che è un problema nostro, [un altro]
e sono due settimane che vedo una vecchia raccogliere i gratta e vinci dai rifiuti e cerco di trovare un bidone,
e poi dici che parlo sempre di falliti e di supermercati, e che dovrei scrivere almeno una volta di ricchi,
e io da domani,
[giuro sul cuore dell’amministratore che proprio adesso ho avvolto nella carta argentata e messo nel frigorifero],
scrivo solo poesie per ricchi.

h